Sbiancamento denti fai da te: i 7 prodotti + EFFICACI in Italia

sbiancamento denti fai da te

Lo sbiancamento denti fai da te è una pratica sempre più popolare, per una questione sia di costi che di efficacia.

I denti sono un ottimo biglietto da visita ogni volta che sorridiamo o parliamo con qualcuno. Non a caso, lo sbiancamento dentale è uno dei trattamenti estetici più richiesti.

Per andare incontro a questa esigenza si sono affermate diverse soluzioni, primo fra tutti lo sbiancamento denti fai da te, ossia tramite strumenti utilizzabili a casa.

Naturalmente il successo deriva dal risparmio rispetto ad uno sbiancamento denti effettuato in studio dentistico.
Un dentista effettuerà sicuramente un lavoro più approfondito e completo, ma la differenza di prezzo può essere anche di qualche centinaio di euro (a trattamento).

Per questo oggi vedremo i migliori prodotti per effettuare uno sbiancamento denti fai da te sicuro ed efficace

Sbiancare i denti a casa: impariamo a prevenire!

Non tutti sanno che il colore dei denti è determinato dal DNA, nello stesso modo come si definisce il colore degli occhi o dei capelli. In linea di massima è di un delicato colore avorio, ma esistono molte sfumature naturali, che vanno dal giallo al grigio.

Ma mentre una tonalità gialla non è segno di cattiva igiene orale, le macchie gialle o marroni sono spesso causa di cattive abitudini.

L’accumulo di placca è la causa principale di macchie sui denti. Lavarsi i denti dopo ogni pasto, utilizzare il filo interdentale, risciacquarsi la bocca con un collutorio antisettico per asportare i batteri e prevenire la placca sono regole basilari.

Lo smalto dentale è lo strato più esterno del dente ed ha la funzione di ripararlo da agenti esterni, da batteri e dagli stimoli termici. Col passare del tempo però lo smalto si indebolisce, e può presentare delle minuscole fessure che possono trattenere particelle di cibo e bevande. A causa di queste imperfezioni non solo i denti ingialliscono, ma si va incontro ad una perdita dello smalto con la conseguente esposizione della dentina, che è la parte porosa del dente.

Collocata al di sotto dello smalto, la dentina contiene sfumature grigie e gialle che influenzano il colore dello smalto che la ricopre. La dentina è la parte più tenera e delicata del dente, un vero concentrato di terminazioni nervose che, se esposta, può portare ad avere denti sensibili.

Ecco perché la sensibilità dentale agli stimoli termici (bevande molto fredde o molto calde) è un problema così diffuso!

Per quello che riguarda la variazione di colore dello smalto, caffè, vino, tè, sono ricchi di tannini e acidi, sostanze che lo attaccano e ne causano la variazione di colore. Lo stesso discorso vale per il tabacco, che contiene nicotina e catrame. Ecco perché le macchie sui denti sono il risultato di abitudini di igiene orale sbagliate.

Le tipologie di sbiancamento denti fai da te

Al giorno d’oggi molti acquistano una maggior sicurezza in sè stessi se hanno una bocca di cui essere orgogliosi, che presenta denti sani e bianchi.

Un sorriso accattivante è uno dei migliori biglietti da visita in assoluto. Per questo motivo lo sbiancamento denti è diventato uno dei trattamenti cosmetici odontoiatrici più diffusi. Ma sul mercato si trovano molti prodotti sbiancanti da poter utilizzare a casa.

Lo sbiancamento dentale con procedura chimica proposto dagli studi dentistici si basa sull’azione di prodotti in grado di agire chimicamente sulle molecole responsabili del colore scuro.

Nei trattamenti casalinghi il prodotto non può contenere perossido di carbamide in percentuale superiore al 10-15% altrimenti dovrebbe essere utilizzato sotto controllo medico. Al contrario dai dentisti si arriva a contenuti che possono essere anche il doppio.

È logico che un trattamento professionale di sbiancamento sarà risultati più evidenti. Inoltre il dentista valuterà lo stato generale della bocca, rimuoverà l’accumulo di tartaro ed eventualmente applicherà una sostanza per proteggere le gengive da eventuali danni durante il trattamento.

Tuttavia il prezzo dei kit sbiancanti per denti è decisamente minore rispetto ad uno sbiancamento dentale con dentista. Ma quali sono i prodotti per sbiancamento dentale fra cui poter scegliere?

  • Strisce adesive con azione sbiancante
  • Mascherine con gel di perossido di carbammide (È una tecnica di sbiancamento che prevede l’uso di una mascherina personalizzata da portare mentre si dorme per circa 10 giorni, ma richiede il consulto di un dentista)
  • Penne sbiancanti
  • Dentifrici ad azione abrasiva, che agiscono solamente sulle macchie, ma non hanno un reale effetto sbiancante
  • Sbiancamento a LED

Lo sbiancamento a LED agisce allo stesso modo sullo smalto, ma la lampada permette di liberare più velocemente gli atomi di ossigeno che vanno a colpire le molecole pigmentanti, rendendo questo processo più veloce e diminuendo i tempi di applicazione.

Tuttavia non dobbiamo dimenticare che dovrà essere applicata su una soluzione corrosiva che dovrà essere spalmata in bocca. Quindi, questi kit di sbiancamento dovranno essere usati rispettando alla lettera le istruzioni del foglietto illustrativo. È importante anche imparare a dosare il gel sbiancante, quindi ricordiamoci di evitare il contatto con le gengive e la deglutizione del prodotto.

Le strisce sbiancanti per denti

Tra i prodotti per sbiancamento denti le strisce sbiancanti stanno riscuotendo il successo maggiore.

Si tratta di un trattamento che, se applicato in maniera quotidiana dalle due alle quattro settimane, risulta effettivamente efficace nella maggioranza dei casi.

Ma non tutte le strisce sbiancanti sono identiche e scegliere tra le migliori strisce (dette anche whitening stripes) può risultare i effetti estetici molti diversi.

A fare la principale differenza sono la concentrazione di sostanze sbiancanti ed i materiali usati per le strisce. Per cui la scelta va fatta non solo in base alla sensibilità più o meno accentuata dei denti, ma anche in base alle abitudini personali ed al tempo a disposizione.

Queste strisce sono delle sottili linguette in polietilene, adattabili alla forma delle arcate dentarie, contenenti prodotti sbiancanti in quantità più o meno elevate. Le piccole parti di polietilene che si adattano alla forma dei denti contengono un gel sbiancante in grado di sciogliere le macchie presenti sullo smalto.

La formulazione può variare a seconda della marca: troviamo formule a base di perossido di idrogeno, che libera ossigeno attivo, passa gli strati superficiali e scompone le sostanze colorate in molecole semplici. Il perossido di carbammide, invece, è un prodotto chimico composto da perossido di idrogeno e urea e che consente di sbiancare i denti allo stesso modo del precedente.

Altra formulazione è al carbone attivo, meno aggressivo dei precedenti e che sta incontrando molto successo. Le strisce sono molto sottili e contengono un gel sbiancante che viene rilasciato in modo graduale durante l’applicazione.

In questo modo si possono adattare a qualsiasi tipo di arcata e rilasciare le sostanze sbiancanti in modo omogeneo. Prima di applicarle bisogna però provvedere ad una adeguata igiene dentale avendo cura di effettuare un lavaggio accurato dei denti con dentifricio e collutorio.

Se poi ci si trova dinanzi ad una discromia dentale tra arcata superiore e inferiore, è possibile utilizzare una singola striscia sull’arcata che si vuole sbiancare.

Ricordiamoci di rimuovere la pellicola di protezione dalle strisce e applicarle sull’arcata dentale precedentemente asciugata, in modo che la parte imbevuta venga a contatto con i denti. Una volta posizionate, è necessario sistemare le strisce in maniera tale che siano a contatto con lo smalto e aderiscano perfettamente ad ogni dente, per evitare imperfezioni nello sbiancamento. Rispettiamo sempre i tempi di posa, e successivamente risciacquiamo bene.

Sbiancamento denti: Classifica [Aggiornata]

7. Ldreamam- Gel Sbiancante per Denti

Teeth Whitening Kit è un completo kit sbiancamento denti, sicuro e confortevole, facile da usare e con risultati apprezzabili.

È un insieme di prodotti di qualità e già dopo poche applicazioni lo smalto dei denti viene rigenerato, regalando un sorriso più bianco. Le indicazioni sono in inglese, ma è un procedimento talmente pratico che chiunque lo può comprendere.

Troviamo 10 siringhe di gel sbiancante, 2 bite (mascherina) in silicone da applicare sopra i denti, un dispositivo LED e una scatola cromatica che serve da parametro di confronto tra il bianco dei denti prima e dopo il trattamento.

L’applicazione di questo gel consente di ridurre l’alterazione cromatica dello smalto e l’opacità dei denti, due inestetismi che si presentano spesso insieme. La formulazione del gel comprende acqua, glicerina, perossido, polisorbato di potassio, carbomer, aroma.

All’inizio del trattamento la cosa più importante è fare un perfetto calco dei denti, cioè scaldare la mascherina di silicone in acqua calda così da farla ammorbidire, quindi farla aderire correttamente ai denti, prima su un’arcata, poi sull’altra.

Si lasciano passare 15- 20 secondi, poi si toglie e si lascia raffreddare in un bicchiere di acqua per 15 secondi, per fissare la forma dei denti. Questo passaggio è molto importante, poiché più l’impronta è precisa più il trattamento darà buoni risultati.

A questo punto la mascherina diventerà rigida, così da avere lo stampo perfetto dei nostri denti. Si mette mezza siringa di perossido nel bite e la si indossa, illuminandola per circa 20 minuti con la macchinetta LED.

Dobbiamo prestare attenzione alla chiusura dentale, che dovrà essere serrata, ma non stancante. Finito questo processo, si sciacqua la bocca e si evita di mangiare o bere per un paio d’ore.

Dopo poche applicazioni i risultati sono già evidenti ed i denti appaiono lucenti e più puliti. Le luci LED sbiancanti vengono considerate sicure, anche per la bassa concentrazione di principi attivi in queste versioni casalinghe.

Per ottenere un beneficio duraturo, è consigliabile utilizzare il kit due volte a settimana.

Ldreamam- Gel Sbiancante per Denti – Prezzo: 25,95 euro


6. MitButy – Penna Sbiancante denti

Tra i vari prodotti per lo sbiancamento dentale che troviamo in commercio, la Penna Sbiancante è un vero e proprio make-up per il sorriso.

L’idea di questo prodotto è semplice: all’interno di una confezione troviamo tre penne gel dal design accattivante, ma che non sono altro che tre siringhe sbiancanti dotate di un comodo applicatore che può essere utilizzato in qualsiasi momento e in tempi rapidissimi.

La dimensione della penna gel è compatta e permette di portarla sempre con noi, così da migliorare il nostro sorriso in ogni momento della giornata. Il vantaggio principale delle penne sbiancanti è la loro semplicità di utilizzo.

Funzionano così: si agita la penna, poi si rimuove il tappo e si regola la quantità di gel che si desidera utilizzare. L’applicatore è composto da una punta di gomma morbida e da un pulsante rotante che permette la giusta fuoriuscita di gel (non riempiamoci la bocca di gel sbiancante!).

Quindi viene posizionato direttamente sulla superficie del dente, facendo attenzione a non toccare le gengive e si esegue il trattamento un dente per volta.

Consiglio di stendere uno strato leggero di gel eseguendo un movimento dall’alto verso il basso per l’arcata dentale superiore e dal basso verso l’alto per l’arcata inferiore. Si terrà la bocca aperta, evitando di toccare gengive e labbra, per qualche minuto. Poi si risciacqua.

Una siringa consente tre applicazioni, quindi considerando che una scatola contiene tre penne il kit ci durerà mesi.

È un gel sbiancante senza perossido o fluoruro, agenti chimici che hanno certamente una forte azione sbiancante, ma possono irritare le mucose orali. Nel nostro caso l’assenza di composti chimici normalmente utilizzati ne fa un prodotto delicato e sicuro.

In questo modo lo smalto dei denti non si rovina e le gengive non vengono danneggiate, ma ugualmente i risultati sono soddisfacenti.

È quindi un prodotto adatto a persone che soffrono di sensibilità gengivale. I punti di forza di questo gel sono l’assenza di perossido, il delicato gusto di menta che rimane in bocca, i risultati visibili in poco tempo, il formato tascabile che ne fa un valore aggiunto.

È un prodotto efficace, e gli effetti dell’uso sono visibili in circa 1 mesetto di utilizzo.

MitButy – Penna Sbiancante denti – Prezzo: 19,99 euro


5. iFanze – Professionale Dental tool Kit

ifanze-professional-dental-kitQuesto sbiancante a led contiene al suo interno tutto quello che ci si aspetta da un prodotto per lo sbiancamento dei denti fai da te. È un trattamento domiciliare completo, semplice da usare ed alla portata di tutti. La confezione contiene

5 siringhe di liquido sbiancante. Un calco luminoso a LED, molto semplice da utilizzare, poiché la luce al LED può essere collegata a qualsiasi alimentatore usb o al proprio smatphone. 3 coppie di strisce sbiancanti (arcata superiore ed inferiore). Un manuale d’istruzione, utilissimo per utilizzare in modo corretto il prodotto.

Molto facile da utilizzare, facile da pulire, è pratico e lo possiamo portare anche in viaggio, poco ingombrante e dotato di connessione universale.

Cerchiamo di capire il funzionamento: per prima cosa bisogna lavarsi i denti molto bene, ma la cosa mi sembra ovvia. L’ideale è utilizzarlo la sera, prima di coricarsi, così i denti non saranno “stressati” da caffè, tè, alcool o altro. E comunque lontano dai pasti.

Il gel sbiancante va applicato sui denti, facendo girare la parte posteriore della penna, evitando le gengive. Successivamente si applica il bite, mettendolo in funzione. I led blu hanno la funzione di rimuovere le macchie e non creano alcun fastidio in bocca.

Si inizia con una durata d’applicazione di 5 minuti, utile anche per verificare eventuali reazioni allergiche, poi i tempi si allungano, per arrivare dopo 4-5 volte a 30 minuti. Terminata l’applicazione ci si sciacqua i denti, anzi è meglio lavarli per togliere eventuali residui di gel.

Il bite può essere disinfettato in acqua bollente. Il pennello per applicare il gel è comodo e pratico ed il gel è inodore. Una siringa è sufficiente per due-tre volte, per cui con 5 siringhe a disposizione è un dispositivo che possiamo utilizzare per mesi.

A differenza dei tradizionali prodotti sbiancanti, la luce blu ad alta intensità viene trasmessa attraverso la fibra e si irradia sullo speciale sbiancante che viene applicato ai denti. In questo modo i denti riacquistano una nuova lucentezza.

La luce blu può produrre calore, ma questo è normale. Questo gel sbiancante non è aggressivo, la percentuale di perossido è dello 0,01%, troviamo anche acqua deionizzata, glicerina, acido citrico, sorbato di potassio, gomma di xantano e aromi.

Inoltre nella confezione troviamo anche 3 coppie di strisce sbiancanti: diciamo che è plus gradito, ma in questo caso non indispensabile. È una simpatica alternativa che si può utilizzare in tempi diversi. Caso mai si possono utilizzare terminato il kit LED, lasciandole sui denti per 15 20 minuti.

Questo kit è un prodotto valido, i risultati si vedono nel tempo, ma consiglio di non abusare e di non effettuare i trattamenti tutti i giorni. 2-3 applicazioni a settimana sono perfette. I risultati si vedranno in meno di un mese.

iFanze – Professionale Dental tool Kit – Prezzo: 24,95 euro


4. Teeth Whitening Strips

sbiancamento-denti-strisce-sbiancantiLe strisce sbiancanti Ptkoon sono una buona soluzione per chi è alla ricerca di un prodotto economico, ma dignitosamente efficace.

È sufficiente un’applicazione di mezz’ora ogni due giorni e il trattamento suggerito è di due settimane. Non promettono miracoli, ma se usate con costanza i risultati possono essere soddisfacenti.

Questa scatola contiene 28 strisce sigillate in 14 bustine, ed un cartoncino con la scala cromatica per i denti. Sono strisce realizzate in polietilene, contengono un gel che deve essere fatto aderire alla superficie dei denti e sono proposte in due lunghezze, più lunghe per l’arcata superiore e più corte per quella inferiore.

Guardiamo la composizione: troviamo acqua deionizzata, glicerolo, maltodestrina, estratto di menta, sorbitolo, attivi sbiancanti vegetali. Insomma un trattamento abbastanza leggero, certamente non aggressivo per i denti.

Prima di utilizzare il trattamento puliamo bene i denti e facciamo in modo che restino asciutti, per esempio possiamo passarli con un fazzoletto di carta.

Non tocchiamo le strisce con le mani bagnate, ma stacchiamo la striscia più lunga dalla relativa pellicola e la applichiamo dal lato del gel sull’arcata dentale superiore, evitando di toccare la gengiva. Facciamola aderire bene ai denti e pieghiamo la parte restante sul lato interno dell’arcata dentale.

Lo stesso procedimento vale per l’arcata inferiore. Dopo circa 30 minuti rimuoviamo la striscia e laviamo bene i denti.

Lo sbiancamento è dato dalla polvere di carbone attivo di noce di cocco naturale, che regala denti sani e sicuri e non sensibilizza lo smalto e le gengive. È un prodotto facile da usare, e lascia in bocca un delicato sapore di menta.

Consiglio di fare un’applicazione ogni due giorni, fino alla fine del blister, perché è pur sempre un prodotto sbiancante, meglio non stressare troppo i denti!

A differenza di altri prodotti, le strisce Ptkoon hanno incontrato un buon successo non solo per il risultato finale, ma perché una volta in posizione non tendono a scivolare, rimangono al loro posto e non danno fastidio nemmeno se si ha bisogno di parlare.

Teeth Whitening Strips – Prezzo: 19,99 euro


3. Pro Teeth Whitening – Strisce sbiancanti al carbone attivo

sbiancamento-denti-strisce-carboni-attiviLe strisce sbiancanti Pro Teeth Whitening promettono risultati professionali grazie alla formulazione al carbone attivo. Questa formula rimuove le macchie, e l’assenza di fluoruri e perossidi assicura la salute dello smalto.

È un kit sbiancante che contiene 28 coppie di strisce in grado di realizzare in 14 giorni ottimi risultati. Guardiamo gli ingredienti: acqua, glicerina, mentolo, gomma di cellulosa, clorito di sodio, disodio EDTA, olio di cocco, carbone in polvere, acido citrico.

Il carbone attivo, componete principale di queste strisce, ultimamente sta sostituendo il perossido di idrogeno o il perossido di carbamide. Le particelle di carbone attivo riescono ad assorbire le impurità ed a rimuoverle dalla superfice dei denti, in quello che può essere considerato un trattamento naturale.

Gli aromi al mentolo lasciano in bocca un retrogusto gradevole che rimane a lungo e non crea fastidio durante l’applicazione. Le strisce aderiscono perfettamente ai denti, sono di colore nero e terminato il trattamento potrebbero rimanere residui scuri di gel, ma spazzolando bene i denti il tutto scompare.

Si applicano le strisce su entrambe le arcate tutti i giorni per 30 minuti e per due settimane, ma già dopo i primi giorni si notano i primi risultati. Consiglio sempre di evitare il contatto con le gengive, che potrebbero andare incontro ad abrasioni e dolore, ma in linea di massima queste strisce sono delicate ed efficaci.

Ovviamente i risultati possono essere soggettivi, visto che si parla di bianco naturale dei denti e non tutte le tonalità di bianco sono uguali. Attenzione però a non lasciarle sui denti più del dovuto, in quanto non si aumenta l’effetto sbiancante e potrebbero lasciare spazio a irritazioni e danni allo smalto.

Considerato il prezzo minimo, sono ottime per il rapporto qualità prezzo.

Pro Teeth Whitening – Strisce sbiancanti al carbone attivo – Prezzo: 19,99 euro


2. Ptkoon – Kit Sbiancamento Denti

sbiancamento-denti-kit-ptkoonQuesto kit sbiancamento denti a luce LED è uno dei migliori sul mercato.

Professionale, sicuro e confortevole, è un prodotto che può rimuovere quasi tutti i tipi di macchie, grazie ad una tecnologia ottica avanzata combinata con una speciale formula di gel sbiancante che può rimuovere macchie superficiali e profonde.

All’interno del kit, oltre al foglio per le istruzioni, troviamo 10 siringhe contenenti 3ml di gel sbiancante ciascuna.

Ogni siringa può offrire 3 applicazioni. Ci sono 2 bite in silicone che, seguendo il solito trattamento, si dovranno uniformare all’arcata superiore ed inferiore dei denti ed una lampada LED.

Viene fornita una tabella dei colori dentali, così da verificare i progressi. Una volta preparati i due bite, basta versare al loro interno poche gocce di gel. Bisogna posizionarli in bocca, poi premere adeguatamente. Accendiamo il pulsante LED e teniamo la luce il più vicino possibile ai denti.

Iniziamo con un tempo di 20 minuti, e aumentiamo gradualmente la durata di ogni tempo di sbiancamento per far abituare i denti a questo trattamento. Rimuoviamo il tutto, poi risciacquiamo con acqua calda. È sempre bene spazzolare i denti per togliere eventuali residui di gel.

All’inizio è consigliato eseguire il trattamento una volta al giorno per la prima settimana, poi si può fare a giorni alterni fino ad esaurimento delle siringhe. Ricordiamoci che la mascherina non può essere lavata, contenendo al suo interno la batteria. Si può igienizzare con del cotone imbevuto di acqua ossigenata.

La formulazione di questo kit consente un utilizzo sicuro e permette di andare ad eliminare qualsiasi tipo di complicazione post-sbiancamento.

Senza dubbio un prodotto semi professionale che può dare risultati ottimi anche in pochi (3-4) trattamenti. Tra i più gettonati.

Ptkoon – Kit Sbiancamento Denti – Prezzo: 25,99 euro


1. Ray of Smile – Brightly White

sbiancamento-denti-fai-da-te-strisce-brightly-rayCiò che rende speciali queste strisce sbiancanti è la loro facilità di utilizzo.

Facili da maneggiare, sono un ottimo sostituto ai trattamenti sbiancanti tradizionali. Abbiamo una confezione di 28 strisce con una nuova formula sbiancante migliorata.

Le 28 strisce per sbiancamento sono imbustate singolarmente, 14 per l’arcata superiore e 14 per quella inferiore, necessarie per effettuare due settimane di sbiancamento.

Troviamo anche una scala di colore per controllare il colore dello smalto e verificare i risultati ottenuti. Aromatizzate alla menta, si possono utilizzare ogni giorno per 60 minuti ed i risultati saranno visibili dopo 14 giorni: l’aspetto dei denti sarà decisamente migliorato!

Grazie alla loro facilità di utilizzo potremo farci una doccia, bere e lavorare, senza correre il rischio che si stacchino, grazie alla presenza di un ottimo sistema antiscivolo.

Vengono dette no-slip, il che vuol dire che si è liberi di agire e di muoversi senza sentire particolare fastidio.

Oltre a possedere uno spessore poco visibile, sono prive di perossido di idrogeno. In questo modo la formulazione di ingredienti sicuri nel prodotto garantisce che lo smalto non venga mai danneggiato.

Lo scopo principale sta nell’eliminazione delle macchie causate da the, vino e caffè, oltre all’ingiallimento causato dal fumo. Ma un altro elemento che caratterizza queste strisce è la semplicità e comodità di utilizzo.

Basta farle aderire alle arcate superiori ed inferiori, lasciarle in forma per mezzora o un’ora e poi risciacquare da eventuali residui. Nelle ore successive non bere bibite colorate, evitare di fumare o masticare tabacco. Altro ottimo aspetto è che non provocano nessun fenomeno di sensibilizzazione dentale, ed arrivati a fine ciclo si può apprezzare una schiaritura fino a due tonalità. Le macchie risultano attenuate e meno visibili, e lo smalto appare più brillante.

Oggettivamente, le migliori strisce sbiancanti ad oggi in commercio.

Ray of Smile – Brightly White – Prezzo: 21,99 euro


Sbiancamento dentale fai da te: esistono effetti collaterali?

Mi è stato chiesto molte volte se lo sbiancamento dentale fai da te possa essere problematico per i denti.

Lo sbiancamento dentale è un processo che non danneggia i denti, ma che va senz0altro svolto con cura e rispettando le istruzioni (come i tempi di posa!) del prodotto che abbiamo scelto.

Quando applichiamo un prodotto per lo sbiancamento dentale controlliamo che non ci siano carie, tagli o gengive infiammate. In questi casi evitiamo di fare di testa nostra, è sempre meglio chiedere un consiglio ad un professionista.

I denti sono una parte del nostro corpo molto delicata. Le strisce sbiancanti sono facili da usare e non hanno controindicazioni particolari. Ma dopo lo sbiancamento è possibile riscontrare una certa sensibilità alle temperature calde e fredde. Non spaventiamoci!

Questo è normale ed è una condizione temporanea. Alcune persone però soffrono di sensibilità dentale: è consigliabile utilizzare prodotti specifici per denti sensibili, in modo da ridurre questo fastidio.

Le sostanze contenute all’interno delle strisce per lo sbiancamento dentale sono studiate per non creare effetti collaterali, ma è bene avere molta attenzione durante il trattamento e seguire qualche consiglio.

Sicuramente la striscia sbiancante è un trattamento veloce, che non richiede troppa preparazione. Va molto bene se si vogliono schiarire i denti da una a tre tonalità e ridurre in contemporanea le macchie superficiali dello smalto. È un valido sostituto a prodotti che comportano l’utilizzo di placchette di resina o mascherine da inserire in bocca, forse più efficaci, ma più ingombranti.

Lasciare le strisce in posa più tempo rispetto a quanto consigliato non accelera la fase di sbiancamento dentale

Si aumenta solamente il rischio di irritare denti e gengive e di iper- sensibilizzarli.

Se si seguono le indicazioni del foglietto illustrativo non si avrà nessun tipo di problema e non si rovinerà lo smalto. Non tutte le strisce sbiancanti si utilizzano allo stesso modo, quindi è sempre bene fare riferimento al foglietto illustrativo di ogni specifico prodotto.

Le (poche) regole da ricordare prima dello sbiancamento denti

Esistono delle regole base da seguire, così da poter ottenere il massimo risultato.

Ho già parlato della indispensabile pulizia dentale, eseguita con molta attenzione, prima di applicare le strisce.

Le strisce possono richiedere periodi di posa variabili, ma normalmente bastano 20-30 minuti. Meglio se non dobbiamo interagire con altre persone in questo periodo, cercando di non parlare.

Controlliamo che le strisce aderiscano perfettamente sia davanti che dietro. Una volta terminato il trattamento e risciacquata la bocca, evitiamo di mangiare e bere, in special modo sostanze che rischiano di colorare i denti.

I prodotti sbiancanti fai da te, come le strisce, se utilizzati con criterio e costanza sono un ottimo alleato per la salute estetica dei nostri denti.

Ricordiamoci sempre di affidarci a prodotti riconosciuti dall’approvazione medica dell’Unione Europea, per evitare gravi danni che ci potrebbero complicare la vita.

Ultima cosa: le capsule in porcellana, resina o altri materiali sintetici non vengono sbiancati. Questi prodotti funzionano solo su denti naturali.

Dubbi, domande o curiosità? Sono a disposizione nei commenti! A presto!

Federica
La cosmetica raccontata ad una amica, ma con rigore scientifico. La mia aspirazione è di aiutare a districarsi nel mondo cosmetico, distinguendo fra risultati reali e semplici slogan pubblicitari. Per questo mi avvalgo della costante consulenza e collaborazione di professionisti e saloni fra Roma e Milano. Ciao! Sono Federica. Lavoro nel settore delle biotecnologie applicate alla cosmetica da quando ho preso la laurea in chimica, e aiuto ogni giorno centinaia di persone a scoprire il meglio e il peggio fra gli ingredienti di tutti i prodotti proposti nel mercato della cosmetica. Ogni articolo sarà imparziale, sincero e curioso su ogni novità del momento. Il tutto, scritto come se fosse il nostro, e il tuo, diario. Benvenuta su beautydiary.it!
Commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments